Categoria: Calabria

Home » FOCUS » Regioni » Calabria
Settimana della Birra Artigianale: il Programma
Articolo

Settimana della Birra Artigianale: il Programma

Ai nastri di partenza la tredicesima edizione della Italy Beer Week. Dal 20 al 26 marzo 2023, in tutta Italia, torna il grande “evento diffuso” dedicato alla birra artigianale con centinaia di eventi

Il ‘villaggio della Calabria’ alla stazione di Milano di Loredana Fumagalli
Articolo

Il ‘villaggio della Calabria’ alla stazione di Milano di Loredana Fumagalli

Il più grande Ice Rink mai allestito a Milano con 1.300 mq di percorso ghiacciato, 1.500 mq di scenografia e un gigantesco albero delle meraviglie di 18 metri e anche una struttura geodetica (“dome”) di nove metri che accoglie il pubblico e lo coinvolge virtualmente in un viaggio in Calabria attraverso una serie di proposte multimediali progettate per comunicare le peculiarità del territorio calabrese.

Peppina, il Moscato di Saracena di Giuseppe Calabrese
Articolo

Peppina, il Moscato di Saracena di Giuseppe Calabrese

Il Moscato di Saracena (Cs) è un vino antichissimo, denominato “vino dei papi”. Viene prodotto soltanto in questo piccolo Comune montano, seguendo una metodologia di produzione in uso nell’antica Grecia, la tecnica della bollitura del mosto. Si tratta di un’eccellenza vitivinicola calabrese Presidio Slow Food

Il Moscato di Saracena prodotto dal viticultore Giuseppe Calabrese si chiama “Peppina”, in onore della nonna dalla quale ha ereditato i terreni e la passione per la vigna.

I terreni di Giuseppe Calabrese si estendono su circa 12 ettari, di cui 4 vitati, e si trovano proprio ai piedi del Parco Nazionale del Pollino, nel Comune di Saracena, in provincia di Cosenza. Oltre al vino si produce Olio di Oliva Extravergine da varietà autoctone, in regime di agricoltura biologica.

I vigneti si trovano a circa 450 metri di altezza, e i filari sono circondati da uliveti e da un bosco di quercia. Il suolo è composto da sabbia e argilla, e risulta essere molto permeabile, ricco di calcio e magnesio, che donano ai vini struttura, mineralità e un giusto equilibrio tra zuccheri, acidità e tannini.
Moscato di Saracena

Ecco la presentazione di Raffaele D’Angelo

Il metodo e la tecnica di produzione

La tecnica di produzione di questo vino è molto particolare e prende il nome di “governo di Saracena”. Si tratta di un’antica metodologia in uso già dagli antichi Greci, che avevano l’abitudine di bollire i mosti al fine di aumentarne il grado zuccherino per garantirne la conservabilità durante le lunghe traversate marine dalla madrepatria verso le colonie o viceversa.

Quest’uso si è radicato qui a Saracena, e negli anni passati il Moscato di Giuseppe veniva prodotto principalmente per essere offerto agli amici in occasione di feste particolari come matrimoni o visite di cortesia. Una tradizione semplice, che però stava rischiando di scomparire, prima di compiere un incredibile balzo di qualità con la nomina a Presidio Slow Food.

Le uve con le quali viene prodotto sono Guarnaccia, Malvasia bianca aromatica, Moscatello e Duraca o “adduraca”, termine dialettale che significa odorosa; Moscatello e Duraca sono uve locali e autoctone non iscritte al registro della vite.

Conclusa la vendemmia, le uve di Moscatello e Duraca vengono lasciate appassire sui graticci per circa due settimane e successivamente sono diraspate e schiacciate a mano, mentre il mosto di Malvasia e Guarnaccia viene bollito e ridotto ad un terzo in modo da aumentarne il grado zuccherino e la gradazione alcolica. Finalmente, dopo che il mosto bollito si è raffreddato, sono aggiunti gli acini schiacciati a mano di Moscatello e Duraca, che si lasciano macerare per circa sei mesi. Successivamente il mosto viene lasciato decantare in botti di acciaio per circa due anni prima di essere imbottigliato e messo in commercio.

Note degustative

Il colore è giallo ambrato, luminoso. Al naso sprigiona un quadro olfattivo intenso di note aromatiche che non ha eguali e sa regalare intense e inebrianti emozioni. Si va dall’albicocca disidrata al cedro o mandarino candito, dai fichi secchi al miele d’acacia, passando per note resinose e frutta esotica. Mentre il vino riposa nel bicchiere, con il variare della temperatura compaiono ammalianti note di caffè, cuoio, spezie orientali e tanto altro ancora. In bocca è il Moscato è caldo, avvolgente, morbido e seducente, ed è sorretto da un’ottima acidità che si alterna a note balsamiche. Chiude lungo con finale ammandorlato.

Abbinamenti

Ideale sulla “pitta nchiusa”, dolce calabrese riservato alle grandi occasioni. Ineguagliabile sui dolci di mandorle e sulla pasticceria secca. Ottimo sui formaggi erborinati. Ideale a fine pasto per prolungare la chiacchiera con gli amici accompagnando la frutta secca durante le riunioni familiari dei pasti natalizi.

Il vino in breve

Denominazione: Calabria IGT
Raccolta Manuale seconda decade di ottobre
Vitigni: Duraca, Moscato Bianco, Guarnaccia, Malvasia Aromatica
Zona di produzione: Comune di Saracena in Provincia di Cosenza
Produttore: Giuseppe Calabrese
Gradazione alcolica: 14.0%
Formato: Bottiglia 37.5 cl
Vinificazione Doppio Mosto:
1 Pigiodiraspatura soffice dei grappoli di malvasia e guarnaccia, bollitura del mosto (governo di Saracena).
2 diraspatura manuale dei singoli grappoli di moscato e pigiatura a mano. Assemblaggio dei 2 mosti e aggiunta di mosto fresco da uve passite, fermentazione alcolica spontanea con lieviti indigeni,

Affinamento: 24 mesi prima in serbatoi d’acciaio, poi in bottiglia, senza chiarifiche e filtrazioni
Filosofia produttiva: Artigianale, senza solfiti aggiunti o minimi, Lieviti indigeni,
Acidità Totale: 5,35 g/l
Anidride Solforosa Totale:28,8 mg/L
Note aggiuntive: Contiene solfiti (quelli che si sviluppano naturalmente con la fermentazione alcolica)
Bottiglie prodotte: Circa 2000 in base all’annata

Contatti:

Giuseppe Calabrese Agricoltore
Via S M Maddalena, 258, 87010 Saracena CS
Email: info@giuseppe-calabrese.it – www.giuseppe-calabrese.it

La Calabria enogastronomica a Parma nel locale gourmand “Arte & Gusto”
Articolo

La Calabria enogastronomica a Parma nel locale gourmand “Arte & Gusto”

Il 25 novembre 2022 alle ore 20:00 saranno protagonisti i vini della cantina “Termine Grosso” di Roccabernarda (KR) che in anteprima presenterà alcune sue nuove etichette. I sapori del territorio calabrese saranno interpretati dallo Chef e patron del locale Alfonso Francese.

Luigi Ferraro: uno chef in giro per il mondo fa tappa a Doha
Articolo

Luigi Ferraro: uno chef in giro per il mondo fa tappa a Doha

Dopo 5 anni a Mosca dove ha diretto la cucina del prestigiosissimo ed raffinato Cafe Calvados, si sposta nella capitale indiana, New Delhi, presso l’elegante e lussuoso Shangri-La Eros Hotel; successivamente nel bellissimo, incantevole e sontuoso Shangri-La Barr Al Jissah Resort and Spa, nel Sultanato dell’Oman sulle rive del Golfo di Oman; poi il trasferimento all’Intercontinental Regency Bahrain, business hotel nel cuore del Regno del Bahrain, per raggiungere in seguito il favoloso Four Seasons Hotel di Doha, dove lo sfarzo e il lusso sono alla base di tutto, Luigi gestisce qui a Doha 10 ristoranti con un team composto da 110 cuochi. Nella foto in alto il Four Seasons Hotel Doha.

VII Settimana della Cucina Italiana nel mondo: Convivialità, sostenibilità e innovazione
Articolo

VII Settimana della Cucina Italiana nel mondo: Convivialità, sostenibilità e innovazione

VII Settimana della Cucina Italiana nel mondo: Convivialità, sostenibilità e innovazione
Come nel 2015 quando con il patrocino di Expo Milano e in collaborazione con il Consorzio del Prosciutto di Parma, Consorzio del Parmigiano Reggiano e Fabbri 1905 organizzammo la kermesse mondiale “Mangiare all’Italiana”, il progetto de “La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015”, che ha visto in primo piano le eccellenze enogastronomiche del made in Italy esaltate nelle ricette di centinaia di celebrity chef italiani all’estero, oggi torniamo a fianco della settima edizione della Cucina Italiana nel mondo con i piatti di chef italiani in tutto il mondo.

A Tu per Tu con Michele Ruperto eletto miglior sommelier della Calabria 2022
Articolo

A Tu per Tu con Michele Ruperto eletto miglior sommelier della Calabria 2022

Il vincitore, che è sommelier Ais dal 2008 ed è il titolare dell’enoteca specializzata on-line “Calabria Gourmet”, viene intervistato da Raffaele D’Angelo, che anticipa come Ruperto “parteciperà alla finalissima del 12 novembre prossimo, a Sorrento, cdove sarà incoronato il migliore sommelier d’Italia nell’ambito del Premio TrentoDoc in concomitanza dell’assise del Consiglio Nazionale dell’AIS”.